The Social Network

The Social NetworkOgni epoca ha i suoi visionari, che sulla scia del loro genio, lasciano un mondo cambiato. Ma tutto ciò raramente avviene senza che ci siano contrasti. Nel film The Social Network, il regista David Fincher e lo sceneggiatore Aaron Sorkin raccontano il momento in cui è stato creato Facebook, il fenomeno sociale più rivoluzionario del nuovo secolo, attraverso lo scontro di alcuni giovani brillanti che affermano di aver preso ognuno parte alla nascita del progetto.

Il risultato è il racconto di un dramma che alterna la creatività alla distruzione, in cui non c'è un solo punto di vista ma un duello narrativo che rispecchia perfettamente la realtà delle relazioni sociali dei nostri giorni.

Attingendo da più fonti, il film si sposta dalle aule di Harvard agli appartamenti di Palo Alto, catturando l'emozioni più profonde dei primi inebrianti giorni di un fenomeno che ha cambiato la nostra cultura e raccontando il modo in cui questo fenomeno ha raggruppato un gruppo di amici per poi successivamente dividerli. Coinvolti in questa vicenda ci sono Mark Zuckeberg (Jesse Eisenberg), il brillante studente di Harvard che ha ideato un sito web che avrebbe ridefinito il nostro tessuto sociale; Eduardo Saverin (Andrew Garfield), un tempo amico intimo di Zuckerberg, che ha dato il capitale iniziale per la nuova società; il fondatore di Napster, Sean Parker (Justin Timberlake) che ha presentato Facebook ai capitalisti della Silicon Valley e i gemelli Winklevoss (Armie Hammer e Josh Pence), i colleghi di Harvard che hanno sostenuto che Zuckerberg avesse rubato loro l'idea, denunciandolo. Ognuno di loro ha il suo racconto, la propria versione sulla storia di Facebook, che porta alla descrizione del più grande successo del 21° Secolo.

Una sera d'ottobre del 2003, dopo aver appena rotto con la sua ragazza, Mark entra nei computer dell'università per creare un sito che fungesse da database di tutte le ragazze del campus universitario, confrontando poi le foto due a due chiedendo all'utente quale fosse la più carina. Il sito viene chiamato Facemash e come un virus invade l'intero sistema informatico di Harvard generando polemiche sulla presunta misoginia del sito, rendendo Mark colpevole di aver intenzionalmente violato la sicurezza, i diritti e la privacy personale. Eppure in quel momento è nata l'idea di fondo di Facebook. Poco dopo, Mark lancia il sito thefacebook.com,che a macchia d'olio si diffonderà sui computer di Harvard, arrivando alla Silicon Valley e successivamente in tutto il mondo. Ma in questo caos si genera un conflitto passionale, su come sono andate le cose, su chi effettivamente meriti il riconoscimento per questa che è chiaramente un'idea vincente del secolo, ma che dividerà degli amici fino a condurli ad una battaglia legale.

Per portare chiarezza in questa vicenda Sorkin e Fincher hanno collaborato insieme, costruendo attentamente una storia cercando con attenzione di non schierarsi né da un lato né dell'altro. Il film infatti presenta una serie di narratori, ciascuno con la propria versione dei fatti, lasciando al pubblico l'interrogativo più grande, cosa è accaduto realmente.

Un video dedicato a The Social Network

ricerca libera

ricerca per argomento